November 21, 2009

un mercatino natalizio svedese a Roma


In attesa di visitarla o di trasferirmi definitivamente in Svezia, mi devo accontentare di quello che offre Roma. Certo, il clima è ancora ben lontano dall'idea di freddo e di inverno (nonostante si sia alla fine di novembre), ma il natale si avvicina velocemente e qui a Roma ho scoperto, grazie alle compagne del corso di svedese, che c'è un mercatino natalizio di oggetti tradizionali e artiginanali della Svezia, compresi dolcetti e biscotti... Come non andarci?
Questa iniziativa è stata organizzata da chi frequenta la chiesa svedese che si trova nel quartiere Parioli, in via Bertoloni 1/E ed è aperto a tutti il 27 novembre dal pomeriggio fino alle 19 e il 28 novembre tutto il giorno, sempre fino alle 19 di sera. Io mi sono già organizzata con gli amici del corso e ci andremo il 28... vi farò sapere!

La foto l'ho presa qui: http://www.familyikea.it/user/milano/view/natale-e-santa-lucia-in-svezia

8 comments:

Robertina said...

Ciao Carla, ma che bello sarebbe poterci venire, ma come sempre queste cose sono lontane da casa. Uffa ma perchè non vengono fatte anche in città più piccole.
Grazie delle info. Un abbraccio

Carla said...

Ciao Robertina! A quanto pare è un mercatino che organizzano da qualche anno. Questa è la prima volta che ci andrò, poi vi farò sapere se ne vale la pena. Magari l'anno prossimo potrebbe essere la scusa per fare un salto qui a Roma, no? ;-) Tu invece, se hai deciso di andare in Svezia per dicembre, lo sai che poi devi raccontare tutto per filo e per segno, vero? :-)) Un abbraccio anche a te!

chiara71 said...

Ciao Carla che bello questo post !!Non sapevo che stessi pensando addirittura a trasferirti in Svezia ma a quanto mi dicono è davvero un bel paese ,una mia cara collega qualche anno si è trasferita con la famiglia e quando l'ho rivista non faceva altro che decantare la grande efficienza degli ospedali svedesi, facendo il confronto con i nostri ,che ahimè non sono esattamente uguali.
La settimana prima di Natale noi andiamo a Madrid ho trovato un'offerta della Rayan a 1 centesimo e non ce la siamo lasciati scappare però per l'anno prossimo abbiamo già deciso di staccarci un pò dai soliti itinerari nei paesi latini e buttarci in una nuova avventura magari qualche paese nordico ,visto che non ci siamo mai stati,in attesa di leggere il tuo prossimo post ti mando un bacione
quando torni dalla Svezia raccontaci tutto ,adoro leggere i diari di viaggio !!!

Carla said...

Ciao Chiara, grazie! Il trasferimento in Svezia è un pensiero che sta pian piano prendendo forma, non so se ci riuscirò ma mi piace sperarlo! Intanto seguo un corso di lingua, leggo informazioni sulla Svezia e mi guardo in giro... non si sa mai: una spinta al destino io la do, poi si vedrà!
Un bacione anche a te e salutami Madrid, nel frattempo!! ;-)

Marzia said...

Che meraviglia il mercatino svedese, domani vado, è anche vicino casa. Io anche adoro i paesi scandinavi.
Grazie per l'informazione

Carla said...

Ciao Marzia! Figurati, per così poco! Magari se ne organizzassero di più di iniziative del genere a Roma!

mugsfortwo said...

Quanto ti capisco! Anch'io amo moltissimo lo stile svedese... e leggo che tu stai addirittura imparando la lingua: complimenti!

A maggio sarò a Stoccolma per il nostro viaggio di nozze, un sogno che si avvera!

Ho letto diversi romanzi di Mankell, ma "Scarpe italiane" mi manca. Attenderò di conoscere le tue impressioni!

Carla said...

Grazie mugsfortwo! Congratulazioni e buon viaggio di nozze!! Appena leggerò il libro, lascerò subito un appunto qui sul blog! A presto, Carla